Volete sincerità nella vostra vita? 

Iniziate a essere sinceri voi. 

Con chi? 

Con gli altri? 

No con voi stessi. 

Siete sempre sinceri con voi? 

Ci riuscite a dirvi la verità anche se vi fa male? 

Male acuto e forte? 

Arrivare a vedere che io potevo smettere di lamentarmi dei medici che non capivano, delle persone che non mi comprendevano e aiutavano è stato duro. Un dolore acuto, prepotente, bruciante, Lancinante e perforante al cuore. 

Ma come? 

Io devo smettere di fare COSA????

Se è vero che non sono pazza che ho una lesione che ho subito un trauma se è vero che il dolore è soggettivo e personale come è possibile che io debba smettere di farmi dare ragione?

Ok 

Mettiamola così. 

Inizia a essere sincera da qui. 

Per te conta di più che tutto il mondo ti dia ragione oppure conta di più come vivi la tua vita? 

Conta di più arrivare a cambiare il pensiero delle persone o a stare bene? 

Conta di più avere ragione o essere bene? 

Che cosa vuoi nella tua vita? 

Io dopo mesi di pianti incessanti e catartici incompresi e anche derisi da chi amavo ai tempi, mi sono detta che volevo stare bene. 

Ho smesso. 

Ho mollato la corda. 

Non mi importava più cosa pensasse il medico x o y. 

Volevo stare bene io. 

Senza farmaci. 

E questo solo perché per me era importante. 

Sono stata molto male con effetti collaterali. E non volevo ripetere l’esperienza. 

E questo è il mio credo personale. 

mio. 

Bada bene: 

Non ti sto dicendo che devi smettere i farmaci. 

Non ti sto dicendo che i farmaci non servono. 

Non ti sto dicendo che la medicina tradizionale sbaglia. 

Non ti sto dicendo che non hai dolori che ti impediscono di camminare. Anzi! 

Non ti sto dicendo che tutte le patologie sono uguali. 

Non ti sto dicendo che sei pazzo. 

Non ti sto dicendo che nessuna terapia funziona se non questa. 

Ti sto dicendo proprio il contrario. 

Ti sto dicendo che la strada, proprio perché PERSONALE, INDIVIDUALE, SOGGETTIVA, unica,  è COMPLESSA.  

E quello che a qualcuno fa bene a te magari non fa nulla, o fa addirittura male. 

Ti sto dicendo che ognuno di noi è un universo differente e unico e che ognuno ha necessità bisogni e fede differente. 

E ben venga! 

Così deve essere! 

Ama la tua diversità. 

Ama la diversità degli altri. 

E grazie a questo trova QUELLO CHE È IL TUO CREDO. 

Tuo. 

Quello che fa bene a te. 

E lo puoi fare da sola oppure con l’aiuto di qualcuno DI CUI TI FIDI. 

Con cui sai di poter parlare, cominciare a essere te stessa senza giudizio e senza paure. 

Posso essere io. Può essere un collega. 

Possono essere più colleghi insieme. 

La cosa bella della diversità è che siamo differenti. 

E per ognuno ci saranno persone differenti che possono essere d’aiuto. 

E tu puoi scegliere a seconda della persona che più risuona con te. 

Questo è parlare di terapia, terapia integrata, e di cura professionale, consapevole e empatica.

Tutto il resto è accanimento terapeutico. 

E si. 

Sono parole forti. 

Ma le penso sul serio.